Convento Santuario di San Pio da Pietrelcina, 28/01/2020, s. Tommaso d'Aquino

News
Una visita che davvero non dimentichero'

Papa Francesco dopo dell’angelus ha ricordato i momenti vissuti, durante la visita pastorale a Pietrelcina, nell’arcidiocesi di Benevento e a San Giovanni Rotondo nell’arcidiocesi di Manfredonia Vieste San Giovanni Rotondo. Il Papa ha visitato i luoghi di Padre Pio in occasione del centenario dell’apparizione delle Stimmate permanenti e nel cinquantesimo anniversario della sua morte.

Il Papa ha voluto cominciare la sua visita da Pietrelcina: la festa dei fedeli, la gioia dei bambini, la preghiera nella cappella San Francesco, le carezze degli anziani. Qui Francesco ha donato ai presenti un discorso significativo ricordando a tutti che “Padre Pio non rinnegò mai il suo paese, amava Gesù e si fidava di Lui, qui ricevette dall’alto speciali doni mistici”.

Poi il volo verso San Giovanni Rotondo, l’abbraccio commovente con i piccoli del reparto di oncoematologia pediatrica del Poliambulatorio “Giovanni Paolo II” della Casa Sollievo della Sofferenza, l’incontro con i frati cappuccini, l’incontro con i frati anziani, la Santa Messa e la gioia dei fedeli. Anche qui durante l’omelia ha ribadito che “San Pio ha combattuto il male per tutta la vita e l’ha combattuto sapientemente, come il Signore: con l’umiltà, con l’obbedienza, con la croce, offrendo il dolore per amore”.

Il Papa all’angelus: “una visita che davvero non dimenticherò”


il Papa dopo la recita della preghiera mariana dell’Angelus, con i fedeli che gremivano piazza San Pietro, ha ricordato i momenti trascorsi nei luoghi di Padre Pio: Pietrelcina e San Giovanni Rotondo. Il Papa ha salutato e ringraziato le comunità delle diocesi di Benevento e di Manfredonia, i vescovi mons. Accrocca e mons. Castoro. Il Papa ha salutato tutti i consacrati, i fedeli, le autorità. Ha ringraziato tutti “per la calorosa accoglienza“.  Una visita che ha colpito Papa Francesco: “porto nel cuore tutti, ma specialmente i malati della Casa Sollievo della sofferenza, gli anziani e i giovani”. Poi, un ringraziamento a coloro che hanno preparato questa visita che dice il Papa: “davvero non dimenticherò“. “Che Padre Pio benedica tutti” ha concluso il Papa

 


"Finchè hai paura non peccherai". "Sarà, padre, ma soffro tanto". "Sicuro che si soffre, però bisogna confidare, vi è il timore di DIO e il timore di Giuda. La troppa paura ci fa operare senza l'amore, e la troppa confidenza non ci fa considerare e temere il pericolo che dobbiamo superare. L'una deve dare una mano all'altra e andare insieme come due sorelle. Così bisogna sempre fare, poiché se ci accorgiamo di avere paura o di temere troppo dobbiamo allora ricorrere alla confidenza, se confidiamo eccessivamente, dobbiamo invece avere un po' di timore, perché l'amore tende all'oggetto amato, ma nell'avanzare è cieco, non vede, ma la santa paura lo illumina ( AdFP, 548 ).

Ultime Notizie

III Domenica del Tempo Ordinario - 26 gennaio 2020

La liturgia di questa domenica, che il Papa ha voluto come “Domenica della...

Natale 2019

Programma completo del Santo Natale 2019...